Le Beghine non erano delle Suore

Dal medioevo fino al XVIII secolo in molte città del Belgio furono costruiti interi quartieri, dipinti di bianco, abitati dalle beghine, donne che, pur non essendolo, trascorrevano un’esistenza da vere e proprie monache. Il fenomeno delle beghine vide, per la prima volta nella storia, le donne prendere l’iniziativa in un importante movimento religioso. L’etimologia della parola “beghina” è oscura, l’ipotesi più accreditata è quella che derivi dalla parola fiamminga medievale “beghen” che significa pregare.Nel XII secolo in Francia, Germania e nei Paesi Bassi vi era un numero elevato di donne sole, d’estrazione medio-basse, che non poteva sposarsi per la mancanza di uomini decimati da crociate o guerre locali e non venivano accettate dai pochi conventi esistenti all’epoca, più interessati alle richieste delle fanciulle ricche e nobili.

Gand,città delle Fiandre in cui vivevano circa 700 beghine

 L’unica alternativa per queste donne era di vivere da sole nelle periferie delle città, pregando e occupandosi di lavori manuali od’insegnamento. Con il passare del tempo, molte di esse, chiamate beghine, unirono le loro abitazioni, l’una vicina all’altra, e da questo nacquero le prime comunità denominate beghinaggi. Il primo comparve nel 1170 circa a Liegi, in Brabante su iniziativa del prete Lambert le Bègue.Le beghine non erano delle suore, non prendevano i voti e potevano ritornare alla vita normale in qualsiasi momento. Vivevano in castità e spesso dedite alla carità inoltre non chiedevano l’elemosina, ma mantenevano le loro proprietà originarie, se ne avevano, oppure, se necessario, lavoravano per esempio filando la lana o tessendo.

Successivamente divennero delle vere e proprie comunità dedite alla cura dei malati ed all’aiuto di donne sole non accettate dai conventi.Le beghine furono riconosciute solo verbalmente dai papi quindi nei vari anni seguirono a loro carico tante condanne. Nel Concilio di Vienne (1311-1312) furono condannate come eretiche sebbene venisse precisato nel contempo che non c’era nulla di male stare in comunità formate da donne penitenti anche senza che esse avessero preso i voti.

Annunci

Di tanto in tanto, alcuni dei tuoi visitatori potrebbero vedere qui un annuncio pubblicitario
Puoi nascondere completamente questi annunci pubblicitari eseguendo l’aggiornamento a uno dei nostri piani a pagamento.

AGGIORNA ORA IGNORA MESSAGGIO

Modifica

Rispondi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...