Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Diavolo

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Diavolo (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – “Diavoli” rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Diavoli (disambigua).

Il diavolo Lucifero immobilizzato al centro del Cocito, enorme lago ghiacciato situato sul fondo dell’Inferno della Divina Commedia. Illustrazione di Gustave Doré.

Con diavolo (definito anche demonio) si vuole indicare, nella religione, una entità spirituale o soprannaturale malvagia, distruttrice, menzognera o contrapposta a Dio, all’angelo, al bene e alla verità.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

  • Il termine “diavolo” deriva dal latino tardo diabŏlus, traduzione fin dalla prima versione della Vulgata (V secolo d.C.) del termine greco Διάβολος, diábolos, (“dividere”, “colui che divide”, “calunniatore”, “accusatore”; derivato dal greco –διαβάλλω, diabàllo, composizione di dia “attraverso” bàllo “getto, metto”[1], indi getto, caccio attraverso, trafiggo, metaforicamente anche calunnio[2]).
    Nell’antica Grecia διάβολος era un aggettivo denotante qualcosa, o qualcuno, calunniatore e diffamatorio; fu usato nel III secolo a.C. per tradurre, nella Septuaginta, l’ebraico Śāṭān[3] (“avversario”, “nemico”, “colui che si oppone”[4], “accusatore in giudizio”, “contraddittore”[5]; reso negli scritti cristiani come Satanas e qui inteso come “avversario, nemico di Dio“).
  • Il termine “demònio” deriva dal latino tardo daemonium traslitterazione del greco δαιμόνιον, daimónion, (sempre dal greco δαιμόνιος, daimónios, “appartenente agli dèi”, “che è in rapporto con un δαίμων”, “ammirabile”, “sorprendente”[6]) e quindi collegato a δαίμων, dáimōn[7], il cui significato originario in lingua greca è quello di demone, entità soprannaturali “neutre”,cioè che potevan essere sia benevole sia malevoli.Solo col cristianesimo assunse esclusivamente un significato negativo. Infatti tale termine greco nel Nuovo Testamento è presente sia con l’originale senso neutro di ‘divinità’[8], che con quello di angelo caduto[9].
    Già nella Septuaginta, e in altre traduzioni dall’ebraico al greco, tale termine occorreva ad indicare l’ebraico שְׂעִירִ֖ים (śe’îrîm: capre selvatiche, →satiri, capre demoni), צִיִּים֙ (siyyim: dimoranti del deserto, bestie selvatiche), אֱלִילִ֑ים (‘elilim: idoli), שֵּׁדִים֙ (šēdîm, shedim: spiriti tutelari, idolo[10]), גָּד (Gad: nome ebreo di un dio della Fortuna)[8] e יָשׁ֥וּד (yâšûd: devastare, il devastatore)[11].

Nelle religioni[modifica | modifica wikitesto]

Ebraismo[modifica | modifica wikitesto]

Nell’Ebraismo non esiste il concetto di diavolo come nel Cristianesimo o nell’Islam. In ebraico, il termine biblico ha-satan (שָׂטָן) significa “l’avversario”[12] o l’ostacolo, o anche “l’accusatore in giudizio, contraddittore”[5] (sottolineando così che Dio viene visto come il Giudice finale).

Nel Libro di Giobbe (Iyov), ha-satan è la qualifica, non il nome proprio, di un angelo sottomesso a Dio: egli è il capo-accusatore della corte divina. Nell’Ebraismo ha-satan non è malvagio, ma piuttosto indica a Dio le cattive azioni ed inclinazioni dell’umanità. Essenzialmente ha-satan non ha potere a meno che gli umani non compiano azioni malvagie. Dopo che Dio fa notare la devozione di Giobbe, ha-satan chiede il permesso di mettere alla prova la sua fede. A quest’uomo retto vengono sottratte la famiglia, le proprietà, ed in seguito, la salute, ma rimane ancora pieno di fede verso Dio. Alla fine di questo libro Dio appare come un mulinello d’aria, spiegando a tutti che la giustizia divina è imperscrutabile. Nell’epilogo vengono restituiti a Giobbe i suoi averi ed egli ha una seconda famiglia per “rimpiazzare” la prima che era deceduta.

Nella Torah, ha-satan viene menzionato diverse volte. L’occasione principale è durante l’incidente del vitello d’oro: come fonte dell’inclinazione malvagia del popolo, o yetser harah, è responsabile per la costruzione da parte degli Israeliti del vitello d’oro mentre Mosè era sul Monte Sinai a ricevere la Torah da Dio. Nel libro delle Cronache, ha-satan incita Davide ad un censimento illegale.

Di fatto, il Libro di Isaia, Giobbe, Qoelet e Deuteronomio hanno tutti passi in cui a Dio viene attribuito l’esercizio del controllo sovrano sul bene e sul male.

Gli Esseni vedono il mondo come terreno di lotta tra i figli della luce e i figli delle tenebre, teorizzando la magia angelica. Nel Libro dei Giubilei le teorie sulle schiere angeliche, sui nomi degli angeli, sulle loro funzioni, hanno un posto di rilievo. Soprattutto, nella loro teologia, agli angeli è riservato un ruolo importante nella guerra contro i figli delle tenebre, capeggiati da Belial.[13]

Giudaismo ellenistico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ellenismo, Periodo del Secondo Tempio, Storia di Israele § Età classica e Storia di Israele § Impero Romano e provincia di Giudea.

La versione dei Settanta utilizza la parola diabolos al posto di ha-satan in due casi, entrambi riguardanti gli esseri soprannaturali:

Giobbe 1:6 “Or accadde un giorno, che i figliuoli di Dio vennero a presentarsi davanti all’Eterno, e il diavolo venne anch’egli in mezzo a loro.”
Zaccaria 3:1 “Poi il Signore mi fece veder Giosuè, sommo sacerdote, che stava ritto in piè davanti all’Angelo del Signore; e il diavolo stava alla sua destra, per essergli contra, come parte avversa.”

Ma quando la parola ebraica satan si riferisce ad un essere umano, è trascritta (σαταν), e non tradotta (διάβολος):

1 Re 11:23 “Iddio suscitò un altro satan (σαταν) a Salomone: Rezon, figliuolo d’Eliada, ch’era fuggito dal suo signore Hadadezer, re di Tsoba.”

Questa distinzione si riscontra in altri testi ebraici.

Cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lucifero e Satana.

San Volfango e il diavolo di Michael Pacher

Secondo la dottrina cattolica il diavolo è noto anche con il nome di Satana e talvolta come Lucifero, sebbene la maggior parte degli studiosi riconoscano che il riferimento in Isaia 14,12 a Lucifero, o la Stella del Mattino, sia in relazione al re babilonese[14]. Secondo alcune lezioni della teologia cattolica, il Diavolo è il più bello tra gli angeli e per un atto di orgoglio si è ribellato a Dio. La teologia cattolica lo descrive come un essere che odia la creazione e tutta l’umanità operando con menzogne e false promesse affinché l’essere umano rinunci alla sua figliolanza divina, al suo legame con Dio.

Altri Cristiani (ad esempio i cristadelfiani) pensano che il diavolo nella Bibbia si riferisca figurativamente al peccato e alla tentazione umani e a qualsiasi sistema umano in contrapposizione a Dio.

Nel cattolicesimo il diavolo viene identificato con il serpente nel Giardino dell’Eden, con il dragone nell’Apocalisse di Giovanni[15], e con il tentatore dei Vangeli[16]. È menzionato più frequentemente nei Vangeli, specialmente in riferimento alla forza trainante dietro la crocifissione di Cristo.

Sulla personalità e azione del diavolo è interessante quanto il dott. Gabriele Amorth, esorcista ufficiale della Chiesa cattolica, ricava dalle sue esperienze dirette: da esse, e da analoghe presentazioni di altri autori, emerge il pensiero cattolico circa il diavolo: essere personale che influisce nella vita di ogni uomo[17][18][19][20].

Il diavolo è uno spirito che tiene incatenati agli inferi le persone che sono in stato di peccato mortale infatti Gesù dice “chi non è con me è contro di me e chi non raccoglie con me disperde” 12, 30. Le persone che perseverano in questo stato fino alla morte sono condannate al supplizio eterno ([1] parte 3,articolo 8, sezione 4 versetto 1861) e vengono punite per sempre dal diavolo e dai suoi seguaci all’inferno (San Tommaso D’Aquino, Summa Teologica, supp. III, argomento 97). Al diavolo è stato dato un potere enorme in questo mondo principalmente sulla morte (Concilio di Trento, Sess. 5a, Decretum de peccato originali, canone 1: DS 1511) 2,14, secondo le parole di San Giovanni: “Tutto il mondo giace sotto il potere del maligno” 5,19. Il Signore infatti si è incarnato proprio per distruggere le opere del Maligno 3,8.

Il demonio preferisce agire nell’ombra senza farsi scovare perché appena viene scovato e individuato il suo potere può essere facilmente indebolito o annullato[21]. Per fare ciò il suo modo di operare preferito è la tentazione, la quale si presenta agli occhi dell’uomo sempre come una cosa attraente e “desiderabile per acquistare saggezza” 3,6. Infatti essendo uno spirito può manifestarsi in parole, pensieri o atti contrari alla legge di Dio e all’insegnamento di Gesù (San Tommaso d’Aquino, Summa theologiae, I-II, q. 71, a. 6: Ed. Leon. 7, 8-9). Nella maggior parte dei casi preferisce lasciare le sue vittime libere di operare nel mondo per spargere la zizzania mentre perseguita e tenta particolarmente quelli che si sono decisi per Dio e per i suoi comandamenti come spiega San Giovanni nelle sue lettere.

Sull’origine del diavolo nelle credenze cristiane compie una disamina non cristiana lo storico francese Georges Minois nel suo saggio Le diable[22]. Minois sottolinea che l’immagine del diavolo è indissolubilmente legata al concetto di “agonismo cosmico” e “divino”.

L’idea cristiana di diavolo è erede, secondo Minois, di numerosi attributi di altre religioni del vicino Oriente. Miti agonici erano presenti in area egizia (il dio Seth contro il dio Horus), babilonese (Gilgameš contro il mostro Huwawa, il dio Marduk contro il mostro Tiāmat nell’Enûma Eliš) e nella religione cananea (il dio Baal contro il dio infero Mot). Sono presenti pure elementi grecoromani: la lotta di Zeus e di suo figlio Dioniso, forze vitali, contro i Titani di Crono, divoratore dei propri figli; Eracle contro l’Idra, e Teseo contro il Minotauro.

Il predecessore del diavolo ebraicocristiano è, per Minois, Angra Mainyu (pahlavico Ahrimane) che, con il suo esercito malefico di demonii (daeva), era il principio del male nel Mazdeismo (Zoroastrismo) iranico e quindi persiano. Nell’Antico Testamento c’era un Satana accusatore ed oppositore, non una maligna potestà[23]. La concezione cambiò sotto l’influsso di testi della letteratura apocalittica non canonica dell’Ebraismo che trattava anche di una rivolta degli angeli contro Dio (Libro dei Custodi, Libro dei Giganti, Visione di Enoch, Libro di Enoch, Libro dei Giubilei, Libro di Adamo). Anche la comunità ascetico-monastica degli Esseni di Qumram, i “figli della luce”, si considerava artefice della vittoria imminente su Satana. Le due forze cosmiche rivali, il Bene ed il Male, si preparano allo scontro escatologico finale che porterà alla vittoria del bene. Sia nelle sette apocalittiche dell’Ebraismo sia nella comunità di Qumram è evidente l’influsso del dualismometafisico iranico del Mazdeismo: Ahura Mazdā, dio del Bene e della Verità, contro Angra Mainyu, principio del Male e della Menzogna.

« È all’interno di questa confusa letteratura che il diavolo, qualunque sia il suo nome – Satana, Belial, Mastema, Semihazaz, ecc.- acquista le caratteristiche che gli sono proprie nel Nuovo Testamento: angelo caduto, per lussuria o superbia, che si è fatto nemico di Dio e dell’uomo, che egli cerca di mettere contro il suo Creatore, e che sparge il male ovunque »
(Georges Minois. Op. cit., p. 24)

Il diavolo dunque, quasi assente nell’Antico Testamento, si affermò nel Cristianesimo. Egli ha antenati dalla Mesopotamia, dalla Persia e dalla Grecia. Nell’Ebraismo l’idea di un avversario del diavolo si fece strada dopo l’esilio a Babilonia e i contatti con i Persiani.

Un testo degli Esseni recita: “Dall’angelo della tenebra deriva ogni aberrazione […], gli spiriti come lui sono intenti a far cadere i figli della luce”. Gli Esseni formularono per primi un concetto di Inferno. Scrive di loro lo storico Giuseppe Flavio : ” Alle anime cattive assegnano una grotta buia e tempestosa, piena di supplizi infiniti”. Il già citato Libro di Enoch in ambiente ebraico parla per la prima volta di angeli ribelli a Dio.

Sant’Agostino rifiutò questo libro che invece fu pienamente accolto da Tertulliano, Origene e dal filosofo Giustino. Quest’ultimo, riecheggiando il Libro di Enoch, ma anche Genesi 6,4, scrisse: “Gli angeli trasgredirono agli ordini di Dio, si accoppiarono con donne generarono figli, cioè i cosiddetti demoni”. La teologia cristiana mantenne l’idea che Satana fosse un ex angelo, rifacendosi ad un passo del profeta Isaia (14. 12): “Tu, portatore di luce, figlio dell’aurora, perché sei caduto dal cielo?”. Il “portatore di luce” diventò Lucifero. L’idea che il demonio abitasse sottoterra non era così diffusa presso i primi cristiani. San Paolo scrive (Efesini, 2: 2): “principe delle potenze dell’aria, quello spirito che ora opera negli uomini ribelli” e, più oltre, aggiunge (Efesini, 6: 12): ” spiriti del Male che abitano nelle regioni celesti”. Soprattutto influssi della cultura dei Greci e dei Romani trasferirono Satana agli Inferi: l’Ade dei Greci, ad esempio, di cui c’è un cenno nel Fedone di Platone e poi nell’Odissea (XI libro) quando Ulisse scende nell’Ade per incontrare l’indovino Tiresia. Nel Tardo Medioevo Satana diventò una figura orripilante, mostruosa e paurosa, dai tratti orrendamente bestiali come negli affreschi di Giotto (Cappella degli Scrovegni) e del Beato Angelico o nella descrizione dantesca della Divina Commedia (Inferno XXXIV, vv.37- 60). Tratti animaleschi del diavolo medioevale richiamano altre divinità pagane: il celtico Cernumnos, con palchi ramificati da cervo; l’etrusco Tuchulcha, con becco ricurvo, ali da avvoltoio e serpenti al posto di capelli; ed in particolare il dio grecoPan, selvaggio, terrificante (anche per le sue urla) e dedito ai piaceri sessuali della carne (con un grande fallo, era rappresentato dedito alla masturbazione, alla bisessualità e alla violenza sessuale). Nel 1215, durante il Concilio Lateranense IV, la Chiesa emanò il documento Firmiter che elencava princìpi dottrinali. Uno di essi recitava: “Il diavolo e gli altri demoni sono stati creati buoni da Dio, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi. L’uomo ha poi peccato per suggestione del demonio”.[24]

La interpretazione della figura e del ruolo del diavolo fu una delle origini delle “eresie” cristiane; comevad esempio nel bogomilismo che, in sintesi, riteneva che Dio avesse due figli: Satanael (il diavolo), il primogenito, e Michele (l’Arcangelo). Satanel si ribellò al padre e si trasformò in una creatura malvagia la quale, una volta cacciata dal regno dei cieli, creò l’inferno e la terra, cercando nel contempo, di generare l’uomo: non riuscendovi chiese aiuto al padre che soffiò l’anima nel corpo inanimato. Così ormai padrone dell’uomo per aver creato la sua parte materiale, Satanel permise ad Adamo di colonizzare la terra.

Islam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Iblis e Shaytan.

Nell’Islam il diavolo prende il nome di Iblis (arabo: Shaytan, un termine che si riferisce ad esseri malvagi simili al diavolo). Secondo il Corano, Dio creò Iblis dal “fuoco senza fumo” e creò l’uomo dall’argilla. La caratteristica principale del Diavolo, oltre alla hýbris, è che non ha altro potere se non quello di gettare suggestioni malvagie nel cuore degli uomini e delle donne.

Secondo la teologia musulmana, Iblis venne espulso dalla grazia di Dio quando gli disobbedì scegliendo di non rendere omaggio ad Adamo, il padre dell’intera umanità. Egli sostenne di essere superiore ad Adamo, basandosi sul fatto che l’uomo, a differenza di sé, era fatto di terra. Come per gli angeli, essi si prostrarono ad Adamo per mostrare il loro omaggio e la loro obbedienza a Dio. Tuttavia a Iblis, inamovibile dal punto di vista che l’uomo era inferiore, e a cui, a differenza degli angeli, venne data la capacità di scegliere, fece la scelta di non obbedire a Dio. Ciò lo portò ad essere espulso da Dio, un atto di cui Iblis accusò l’umanità. Inizialmente, il Diavolo riuscì ad ingannare Adamo, ma una volta che le sue intenzioni divennero chiare, Adamo ed Eva si pentirono dei loro peccati davanti a Dio e vennero liberati dai loro misfatti e perdonati. Dio diede loro un forte avvertimento riguardo Iblis ed i fuochi dell’Inferno, e chiese a loro e ai loro figli (umanità) di stare lontano dalle illusioni dei loro sensi causate dal Diavolo.

Secondo i versi del Corano, la missione del Diavolo fino alla Qiyama, o Giorno della Resurrezione (yawm al-qiyāma), è quella di ingannare i figli di Adamo (l’umanità). Dopo di ciò, egli verrà posto tra i fuochi dell’Inferno insieme a coloro che ha illuso. Il Diavolo è noto anche come uno dei jinn, anche se la natura del diavolo è il fuoco e quella dei jinn è quella del nerofumo, sebbene creato dalle fiamme. Il Corano non raffigura Iblis come il nemico di Dio, poiché Dio è supremo a tutte le sue creazioni ed Iblis è solo una di queste. Il solo nemico di Iblis è l’umanità: egli vuole scoraggiare gli uomini dall’obbedire a Dio. Perciò l’umanità è avvertita del fatto che dovrà lottare (jihād) contro le malizie del Diavolo e le tentazioni che egli instillerà in loro: coloro che riusciranno in questo verranno ricompensati con il Paradiso (jannat al-firdaws), raggiungibile solo con una condotta giusta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...