Buddhismo

Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Buddhismo

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Pellegrinaggio ai
Luoghi sacri del
Buddha
Dharma Wheel.svg
I Quattro Luoghi Principali
Lumbini · Bodh Gaya
Sarnath · Kushinagar
I Quattro Ulteriori
Sravasti · Rajgir
Sankissa · Vaishali
Altri luoghi della vita del Buddha
Patna · Gaya
Kosambi · Mathura
Kapilavastu · Devadaha
Kesariya · Pava
Nalanda · Varanasi
Altri luoghi del Buddhismo indiano
Sanchi · Ratnagiri
Ellora · Ajanta
Bharhut

Statua del Buddha Shakyamunisituata nel monastero di Baolian, (isola di Lantau, Cina). Inaugurata il 29 dicembre 1993, alta oltre 26 metri, è una delle più grandi al mondo. La sua mano destra è sollevata nell’abhyamudrā, il “gesto di incoraggiamento” per invitare ad avvicinarsi; la mano sinistra è invece nel varadamudrā, il “gesto di esaudimento”, ovvero la disponibilità ad esaudire i desideri dei fedeli[1].

Il dharmacakra simbolo della religione buddhista.

Il buddhismo o buddismo[2] (sanscrito: buddha-śāsana) è una delle religioni[3][4] più antiche e più diffuse al mondo. Originato dagli insegnamenti dell’asceta itinerante indiano Siddhārtha Gautama (VI, V sec. a.C.), comunemente si compendia nelle dottrine fondate sulle Quattro nobili verità(sanscrito: Catvāri-ārya-satyāni).

Con il termine buddhismo si indica quindi quell’insieme di tradizioni, sistemi di pensiero, pratiche e tecniche spirituali, individuali e devozionali, nate dalle differenti interpretazioni di queste dottrine, che si sono evolute in modo anche molto eterogeneo e diversificato[5][6].

Sorto nel VI-V secolo a.C. come disciplina spirituale assunse nei secoli successivi i caratteri di dottrina filosofica e di religione “ateistica”[7], intendendo con quest’ultimo termine non la negazione dell’esistenza degli dèi (deva), quanto piuttosto il fatto che la devozione ad essi, fatto comunque considerato positivo, non conduce alla liberazione ultima dal saṃsāra.

A partire dall’India il buddhismo si diffuse nei secoli successivi soprattutto nel Sud-est asiatico e in Estremo Oriente, giungendo, a partire dal XIX secolo, anche in Occidente.

Origini del termine[modifica | modifica wikitesto]

La parola buddhismo è di recente coniatura, introdotta in Europanel XIX secolo[8] per riferirsi a ciò che è correlabile agli insegnamenti di Siddhārtha Gautama in quanto Buddha. In realtà un’unica parola per esprimere questo concetto non esiste in nessuno dei paesi asiatici originari di tale tradizione religiosa.[9].

La traduzione dei termini originari letteralmente va intesa come “insegnamento del Buddha” (sanscrito buddha-śāsana, pāli buddha-sāsana, cinese 佛教 pinyin fójiào Wade-Giles fo2-chiao4, giapponese bukkyō, tibetano sangs rgyas kyi bka’ , coreano 불교 pulgyo, vietnamita phật giáo).

Originariamente “l’insegnamento del Buddha” si denominava come DharmaVinaya (pāli dhamma-vinaya, cinese 法律 fǎlǜ, giapponese hōritsu, tibetano chos ‘dul ba, coreano 법률 pŏmnyul, vietnamita phật pháp), ma questa denominazione non ha avuto quella diffusione nelle lingue asiatiche diverse dal sanscrito quanto invece la denominazione buddha-śāsana.

Altri termini sanscriti con cui viene indicato il Buddhismo, nella sua accezione di religione esposta dal Buddha Shakyamuni, sono: buddhânuśāsana, jinaśāsana, tathāgataśāsana, dharma, buddhânuśāsti, śāsana, śāstuḥ ma anche buddha-dharma e buddha-vacana.

Storia del Buddhismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Buddhismo.

Proselitismo buddhista al tempo del re Aśoka (260218 a.C.), così come descritto dai suoi editti.

La storia del buddhismo inizia nel V-VI secolo a.C., con la predicazione di Siddhārtha Gautama. Nel lungo periodo della sua esistenza, la religione si è evoluta adattandosi ai vari Paesi, epoche e culture che ha attraversato, aggiungendo alla sua originale impronta indiana elementi culturali ellenistici, dell’Asia Centrale, dell’Estremo Oriente e del Sud-Est Asiatico; la sua diffusione geografica fu considerevole al punto da aver influenzato in diverse epoche storiche gran parte del continente asiatico. La storia del buddhismo, come quella delle maggiori religioni, è anche caratterizzata da numerose correnti di pensiero e scismi, con la formazione di varie scuole; tra queste, le più importanti attualmente esistenti sono la scuola Theravāda, le scuole del Mahāyāna e le scuole Vajrayāna.

I fondamenti del Buddhismo[modifica | modifica wikitesto]

I fondamenti del Buddhismo dei Nikāya e del Buddhismo Theravāda[modifica | modifica wikitesto]

All’origine e a fondamento del Buddhismo dei Nikāya e del Buddhismo Theravāda troviamo le Quattro nobili verità. Si narra che il Buddha, meditando sotto l’Albero della Bodhi, le comprese nel momento del proprio risveglio spirituale[10].

Esse sono riportate nel Dhammacakkappavattana Sutta del Saṃyutta Nikāya del Canone pāli[11] e nel Canone cinese nello Záhánjīng (雜含經, giapp. Zōgon agonkyō, collocato nello Āhánbù, T.D. 99.2.1a-373b) che poi è la traduzione in cinese del testo sanscrito Saṃyuktāgama al cui interno è collocato il Dharmaçakrapravartana Sūtra.[12]

Questo è, sempre secondo la tradizione, il primo discorso del Buddha, tenuto nel parco delle gazzelle nei pressi di Sarnath vicino Varanasi (detta anche Benares) nel 528 a.C. ai suoi primi cinque discepoli, all’età di 35 anni, dopo che nei pressi del villaggio di Bodhgaya, nell’odierno Stato del Bihar, aveva raggiunto il risveglio spirituale.

Questo discorso è quindi anche detto il “Discorso di Benares”, fondamentale per il Buddhismo, che da esso prende le mosse, tanto da essere considerato l’evento che dà inizio al Dharma (sans., Dhamma, pāli), ossia la dottrina buddhista. La ricorrenza di questo evento è infatti festeggiata nei paesi di tradizione theravāda con la festa di Magā Puja, il “giorno del Dhamma”. Da altri è invece considerato il punto d’inizio della prima comunità buddhista, formata proprio da quei cinque asceti che lo avevano abbandonato anni prima sfiduciati, dopo essere stati a lungo suoi discepoli.

In questo discorso si identifica il Buddhismo come “La Via di Mezzo” (sanscrito Madhyamāpratipad, pāli Majjhimā pāṭipada) in cui si riconosce che la retta condotta risiede nella linea mediana di condotta di vita evitando tanto gli eccessi e gli assolutismi, quanto il lassismo e l’individualismo.

Nell’esposizione di questo insegnamento il Buddha enuncia le Quattro nobili verità, frutto del proprio risveglio spirituale testé raggiunto. Queste “Quattro Nobili Verità” contemplano l’aspetto pratico della condotta di vita e della pratica spirituale buddhista nel cosiddetto Nobile ottuplice sentiero, che costituisce il secondo cardine dottrinale del Buddhismo.

I punti salienti della visione buddhista della “realtà percettiva” indirizzata dall’insegnamento del Buddha, sono:

  1. La dottrina della sofferenza o duḥkha (sans., dukkha, pāli), ossia che tutti gli aggregati (fisici o mentali) sono causa di sofferenza qualora li si voglia trattenere ed essi cessano, oppure si voglia separarsene ed essi permangono.
  2. La dottrina dell’impermanenza o anitya (sans., anicca, pāli), ossia che tutto quanto è composto di aggregati (fisici o mentali) è soggetto alla nascita ed è quindi soggetto a decadenza ed estinzione con la decadenza ed estinzione degli aggregati che lo sostengono;
  3. La dottrina dell’assenza di un io eterno e immutabile, la cosiddetta dottrina dell’anātman (sans., anattā, pāli) come conseguenza di una riflessione sui due punti precedenti.

Tale visione è integrata nella:

  • Dottrina della coproduzione condizionata (sans. pratītyasamutpāda, pāli paṭicca samuppāda), ossia del meccanismo di causa ed effetto che lega l’uomo alle illusioni e agli attaccamenti che costituiscono la base della sofferenza esistenziale;
  • Dottrina della vacuità (sans. śunyātā, pāli: suññatā) che insiste sull’inesistenza di una proprietà intrinseca nei composti e nei processi che formano la realtà e sulla stretta interdipendenza degli stessi.
MENU
0:00

Preghiera buddista in Nepal

Un elemento importante del Buddhismo, riportato in tutti i Canoni, è la conferma dell’esistenza delle divinità come già proclamate dalla letteratura religiosa vedica (i deva, tuttavia, nel Buddhismo sono sottomessi alla legge del karma e la loro esistenza è condizionata dal saṃsāra). Così nel Majjhima Nikāya 100 II-212[13] dove al brahmano Sangarava che gli chiedeva se esistessero i Deva, il Buddha storico rispose: «I Deva esistono! È questo un fatto che io ho riconosciuto e su cui tutto il mondo è d’accordo». Sempre nei testi che raccolgono i suoi insegnamenti, testi riconosciuti tra i più antichi in assoluto e conservati sia nel Canone pāli che nel Canone cinese e che la storiografia contemporanea inquadra nel termine Āgama-Nikāya, il Buddha storico consiglia a due brahmana che, dopo aver dato da mangiare a uomini santi, si debba dedicare questa azione alle divinità (Deva) locali che restituiranno l’onore concesso loro assicurando il benessere dell’individuo (Digha-nikāya, 2,88-89[14]). È evidente, a partire da questi due antichi brani, la certezza da parte del Buddha storico che le divinità esistessero e andassero onorate. A differenza, tuttavia, delle altre correnti religiose dell’epoca, il Buddha ritiene che le divinità non possano offrire all’uomo la salvezza dal Saṃsāra, né un significato ultimo della propria esistenza. Va precisato, peraltro, che non esiste, né è mai esistita alcuna scuola buddhista al mondo che affermi, o abbia affermato, l’inesistenza delle divinità. Tuttavia la totale mancanza di centralità delle divinità nelle pratiche religiose e nelle dottrine buddhiste di tutte le epoche ha fatto considerare, da parte di alcuni studiosi contemporanei, il Buddhismo come una religione ‘atea’[15].

I fondamenti del Buddhismo Mahāyāna[modifica | modifica wikitesto]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...