Brasile

Wikisource-logo.svg Partecipa al concorso per il 13º anniversario di Wikisource, dal 24 novembre all’8 dicembre!
Più rileggi e più probabilità avrai di vincere uno dei premi!

Brasile

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Brasile
Brasile – Bandiera Brasile - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Ordem e Progresso
(Ordine e Progresso)
Brasile - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica Federale del Brasile
Nome ufficiale República Federativa do Brasil
Lingue ufficiali Portoghese
Capitale Brasilia (2.852.372 ab. / 2014)
Politica
Forma di governo Repubblica presidenzialefederale
Presidente Michel Temer
Indipendenza dal Portogallo nel 1822
Ingresso nell’ONU 24 ottobre 1945[1]
Superficie
Totale 8 514 877 km² ()
 % delle acque 0,72%
Popolazione
Totale 203 387 885[2]ab. (2013) ()
Densità 23 ab./km²
Tasso di crescita 0,86% (2012)[3]
Nome degli abitanti Brasiliani
Geografia
Continente America meridionale
Confini Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname, Guyana francese, Uruguay, Argentina, Paraguay, Bolivia, Perù
Fuso orario da UTC-2 a UTC-5
Economia
Valuta Real brasiliano
PIL (nominale) 2 253 090[4] milioni di $ (2012) ()
PIL pro capite(nominale) 11 359 $ (2012) (62º)
PIL (PPA) 2 330 216 milioni di $ (2012) ()
PIL pro capite(PPA) 11 747 $ (2012) (81º)
ISU (2014) 0,755 (alto)[5] (75º)
Fecondità 1,8 (2011)[6]
Consumo energetico 10,190 kWh/ab. anno
Varie
Codici ISO 3166 BR, BRA, 076
TLD .br
Prefisso tel. +55
Sigla autom. BR
Inno nazionale Hino Nacional Brasileiro
Festa nazionale 7 settembre
Brasile - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente bandiera Impero del Brasile

Coordinate: 11°S 53°W (Mappa)

Il Brasile (in portoghese: Brasil), ufficialmente Repubblica Federale del Brasile (República Federativa do Brasil), è una repubblica federale dell’America meridionale. Con una superficie di oltre 8,5 milioni di km², è il quinto paese del mondo per superficie totale (pari al 47,3% del territorio sudamericano).[7][8] È bagnato dall’oceano Atlantico a est, a nord confina con il dipartimento francese d’oltremare della Guyana francese, Suriname, Guyana e Venezuela, a nord-ovest con la Colombia, a ovest con il Perù e la Bolivia, a sud-ovest con il Paraguay e l’Argentina, e a sud con l’Uruguay. Confina con tutti i paesi del Sud America, eccetto che per Ecuador e Cile.[9]

La maggior parte del paese si trova nella zona tropicale, dove le stagioni non sono particolarmente ostili dal punto di vista climatico. La foresta amazzonica copre 3,6 milioni di km quadrati del suo territorio e grazie alla sua vegetazione e al clima, è uno dei paesi con il maggior numero di specie di animali nel mondo. Il Brasile, precedentemente abitato da indigeni, fu scoperto dagli europei nel 1500, da una spedizione portoghese guidata da Pedro Alvares Cabral. Dopo il trattato di Tordesillas, il territorio brasiliano fece parte del Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve, che ottenne l’indipendenza il 7 settembre 1822. In seguito il paese divenne un impero per poi diventare una repubblica.[10] La sua prima capitale fu Salvador, che fu sostituita da Rio de Janeiro fino a quando non si fece una nuova capitale, Brasilia. La sua attuale Costituzione, formulata nel 1988, definisce il Brasile come una Repubblica federale presidenziale. La Federazione è formata dall’unione del Distretto Federale, da 26 Stati federati e 5 565 comuni.[11]

Anche se i suoi oltre 200 milioni di abitanti rendono il Brasile il quinto paese più popoloso del mondo, complessivamente il Brasile ha una bassa densità di popolazione: la maggior parte della popolazione è concentrata lungo la costa, mentre nell’entroterra il paese è relativamente poco abitato, soprattutto in virtù della presenza della foresta amazzonica. La lingua ufficiale è il portoghese. La religione più seguita è il cattolicesimo, il che fa del Brasile lo Stato con il maggior numero di cattolici al mondo,[9]seguita da una crescita notevole del pentecostalismo. La società brasiliana è considerata una società multietnica, essendo formata dai discendenti di europei, indigeni, africani e asiatici.

L’economia brasiliana è la più grande in America Latina e la settima al mondo sia per dimensioni del Pil nominale sia per potere d’acquisto (PPP).[12] Il Brasile è una delle economie a più rapida crescita economica e le riforme economiche hanno dato un nuovo riconoscimento a livello internazionale al paese, sia in ambito regionale sia mondiale.[13] Il Brasile è membro fondatore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), della Comunità dei Paesi di lingua portoghese (CPLP), dell’Unione latina, dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS), dell’Organizzazione degli Stati ibero-americani (OEI), del Mercosule dell’Unione delle nazioni sudamericane (UNASUR), ed è uno dei paesi del G20 e del BRICS.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome Brasile non sono del tutto chiarite: un’ipotesi è che esso derivi da “Pau brasil” il nome popolare in portoghese della Caesalpinia echinata, un albero della famiglia delle Fabaceae nativo della foresta vergine (Mata Atlântica) che ricopriva completamente le regioni litoranee del Brasile. Il nome “pau brasil” significa, letteralmente, “albero brasil”. La parola brasil potrebbe derivare dal colore rosso brace (brasa in portoghese) della resina del legno di questo albero[14] o dal fatto che il Paese venisse sfruttato in origine come rifornimento di “legna da bruciare”, come sostiene Claude Lévi-Strauss in Tristi tropici.

Un’altra ipotesi è quella che deriva dal tempo successivo alla colonizzazione portoghese, quando alcuni naviganti parlavano di un’isola immaginaria al largo delle coste dell’Irlanda, chiamata Hy Brazil e che sarebbe stata in mezzo all’Atlantico; alcuni scrittori del XX secolo, tra cui Gustavo Barroso, hanno difeso la teoria che il nome del territorio dipendesse da questo piuttosto che dall’albero.[15]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Brasile.

Il Brasile ha molti aspetti in comune con gli altri Paesi dell’America Latina, anche se conserva alcune caratteristiche proprie come la lingua (il portoghese).[16] Dopo il raggiungimento dell’indipendenza nel 1822, nel Paese si sono alternate fasi democratiche a regimi dittatoriali nati a causa degli aspri conflitti interni, delle ricorrenti situazioni di difficoltà economica e anche delle grandissime differenze tra i vari strati della popolazione.

Dall’età coloniale all’Impero brasiliano[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo coloniale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Colonia del Brasile.

Dettaglio della mappa della Terra Brasilis (1519), custodita alla Bibliothèque nationale de France.

Il navigatore che per primo esplorò le coste del Brasile fu il fiorentino Amerigo Vespucci, nel 1499, seguito dallo spagnolo Vicente Yáñez Pinzón nel 1500. Vespucci fu il primo europeo a distinguere l’estuario del Rio delle Amazzoni, e raggiunse il cabo San Agustin. La scoperta ufficiale del Brasile avvenne il 22 aprile del 1500, per opera dell’esploratore portoghese Pedro Álvares Cabral, che arrivò nella zona dove oggi si trova Porto Seguro, nello Stato di Bahia[17].

La colonizzazione vera e propria ebbe però inizio nel 1530; i regnanti portoghesi, preoccupati dalle invasioni di naviganti e pirati nelle terre lasciate fuori dal Trattato di Tordesillas, inviarono in Brasile Martim Afonso de Sousa con l’intenzione di colonizzare velocemente le nuove terre. Nel 1532 venne fondata São Vicente, che fu la prima città fondata dai portoghesi[17]. Nel 1534, il re del Portogallo Giovanni III divise il Brasile in 12 territori (i capitanias) e li concesse a nobili affidatari (i donatários), che di fatto però diventarono signori feudali[18]. Nel 1548, per paura di una secessione, Giovanni III inviò in Brasile come governatore generale Tomé de Sousa, che il 29 marzo del 1549 fondò la capitale São Salvador da Bahia de Todos os Santos. Con l’inizio della colonizzazione ci furono alcuni tentativi di insediamento anche da parte di francesi e olandesi. I francesi, in particolare, tra il 1555e il 1567, tentarono di stabilirsi nella zona dell’attuale Rio de Janeiro per poi spostarsi dal 1612 al 1614 nell’attuale São Luis, prima di essere definitivamente scacciati.

Nel XVII secolo vennero introdotte le coltivazioni del tabacco e specialmente della canna da zucchero, inizialmente a Bahia e successivamente anche a Rio de Janeiro. Questo importante sviluppo dell’agricoltura fu accompagnato dall’arrivo di numerosi schiavi africani, che andavano a sostituire per il lavoro nella piantagioni le popolazioni autoctone, ormai del tutto insufficienti a garantire la sussistenza di un’economia agricola produttiva. Verso la fine del XVII secolo vennero scoperti grandi giacimenti di oro nella regione del Minas Gerais. Nel 1604 gli olandesi guidati da Maurizio di Nassau, attirati dalle ricchezze del territorio, saccheggiarono Bahia e, tra il 1630 e il 1654, si stabilirono nelle colonie costiere del nordeste, dopo aver conquistato la città di Recife, nello Stato di Pernambuco, che divenne la capitale del Brasile olandese con il nome di Mauritsstad. Ben presto si trovarono però in uno stato di continuo assedio, anche per le alte tasse che avevano imposto alla popolazione, e nel 1654 venne firmata la resa col Trattato dell’Aia, che ebbe però effetto solo nel 1661 dopo qualche anno di guerre, quando gli olandesi furono costretti a ritirarsi definitivamente[19].

Mauritsstad la capitale del Brasile Olandese

Fin dall’inizio della colonizzazione portoghese, il Brasile fu teatro di rivolte e di movimenti di resistenza degli indigeni, che si unirono poi agli schiavi africani. Alla fine del XVII secolo l’arrivo di un sempre maggior numero di coloni dal Portogallo favorì la formazione dei primi movimenti contro la Corona Portoghese stessa. Alcune di queste guerre furono causate dalla crescita economica, come la Rivolta di Backman nel 1684[20]. Poco più tardi furono fondati due movimenti che si proponevano di programmare l’indipendenza: la Inconfidência Mineira e la Conjuração Baiana. Il primo nacque dalla minoranza creola nella zona del Minas Gerais: nella seconda metà del XVIII secolo, con la perdita di produttività da parte delle miniere, era divenuto difficile pagare tutte le imposte che la Corona Portoghese esigeva. Inoltre il governo portoghese aveva imposto la derrama, una tassa che prevedeva che tutta la popolazione, inclusi coloro che non erano minatori, versasse una cifra pari al 20% del valore dell’oro estratto.

I coloni insorsero e iniziarono a cospirare contro il Portogallo. La cospirazione si proponeva di eliminare la dominazione portoghese e creare uno Stato libero. La forma di governo doveva essere quella della Repubblica, ispirata alle idee illuministe, che si andavano diffondendo in Europa e in particolare in Francia, e che avevano recentemente portato, dopo la guerra d’indipendenza americana, alla nascita degli Stati Uniti d’America. I leader del movimento furono però catturati e inviati a Rio de Janeiro, dove furono condannati a morte e giustiziati. La Congiura Baiana, invece, fu un movimento che partì dalla fascia più umile della popolazione di Bahia, e che vide una grande partecipazione da parte di neri e mulatti. I rivoltosi volevano l’abolizione della schiavitù, l’istituzione di un governo egualitario e l’instaurazione di una Repubblica a Bahia.

Tra il 1756 e il 1777 il marchese di Pombal attuò una politica riformatrice, accentrando il potere politico-amministrativo nelle mani del viceré (il Brasile era stato costituito in Viceregno nel 1717) a scapito dei donatáriose dei Gesuiti che furono espulsi nel 1759. Nel 1763 la capitale fu trasferita a Rio de Janeiro e nel 1775 venne abolita la schiavitù degli indios.

L’indipendenza dal Portogallo[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro, 1822, Rugendas.

Nel 1807, l’invasione da parte delle truppe francesi di Napoleone Bonaparte obbligò il re del Portogallo Giovanni VI a fuggire in Brasile. Nel 1808 il re giunse a Rio de Janeiro, dopo avere stipulato un’alleanza difensiva con l’Inghilterra (che avrebbe fornito la protezione navale durante il viaggio). Allo stesso tempo i porti brasiliani si aprirono a nuove nazioni amiche, ponendo fine allo status di colonia del paese. Questo fatto irritò coloro che esigevano il ritorno di Giovanni VI in Portogallo e la restaurazione della condizione di colonia per il Brasile. Nel 1821 il re decise allora di lasciare suo figlio Pietro come reggente del Brasile, mentre egli rientrò a Lisbona. Pietro, nonostante le pressioni dei liberali che tentavano di convincerlo a tornare in patria, decise invece di rimanere in Brasile, nel cosiddetto Dia do Fico (che letteralmente significa giorno di “io resto”, in portoghese “Eu fico”). Il Portogallo, che si trovava già in condizioni abbastanza difficili, non poté più conservare il dominio sul Brasile; Pietro (che prese il nome di Pietro I del Brasile) poté allora facilmente dichiararne l’indipendenza il 7 settembre del 1822. Tuttavia, negli anni in cui Giovanni VI risiedeva in Brasile questo allargò i propri confini con la Guerra contro Artigas (18161820), che portò all’annessione della Provincia Cisplatina, l’odierno Uruguay.

L’Impero brasiliano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la separazione dal Portogallo il Brasile si trasformò in una monarchia costituzionale. Pietro I, alla morte del padre, tornò in Portogallo per assicurare la successione al trono a sua figlia Maria II del Portogallo. Il figlio di Pietro I, Pietro II, a soli quattordici anni fu incoronato come nuovo imperatore del Brasile nel 1831, dopo l’abdicazione del padre. Tra il 1825 e il 1828 si combatté una guerra con l’Argentina per il possesso della Banda Oriental, che si concluse con il raggiungimento dell’indipendenza da parte dell’Uruguay (che si era separato dal Brasile per unirsi all’Argentina pochi anni prima). Tra il 1836 e il 1842 si verificò un tentativo secessionista della Repubblica del Rio Grande do Sul, al quale partecipò anche Giuseppe Garibaldi. Dal 1850 al 1852 il Brasile, fattosi sostenitore dei movimenti liberali moderati, si alleò con l’Uruguay e sostenne una nuova guerra contro l’Argentina contribuendo alla caduta del dittatore argentino Juan Manuel de Rosas.

Il 1860 fu un anno di fondamentale importanza per lo sviluppo economico, in quanto si introdusse la coltura del caffè nelle province di Rio de Janeiro e di San Paolo. Nel Sudeste i baroni del caffè superarono così gli antichi coltivatori del cotone e di canna da zucchero, mentre cominciava a farsi sentire anche un notevole afflusso di genti europee che immigravano nel paese, soprattutto italiani.

Tra il 1865 e il 1870 l’Argentina, l’Uruguay e il Brasile combatterono una guerra contro il Paraguay, che si concluse con la perdita, da parte del Paraguay stesso, delle regioni a nord del fiume Apa. A partire dal 1870 si registrò una notevole crescita dei movimenti repubblicani, che nel 1888 ottennero l’abolizione della schiavitù. Nel 1889, infine, scoppiò una rivoluzione incruenta che costrinse Pietro II ad abdicare: venne proclamata la Repubblica, e si adottò la Costituzione federale. Il passaggio dalla Monarchia alla Repubblica era così ultimato, senza alcun ricorso alla violenza. La famiglia imperiale, infatti, poté in tutta sicurezza tornare in Europa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...