carta geografica

Carta geografica

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – “Mappamondo” rimanda qui. Se stai cercando la riproduzione tridimensionale della Terra, vedi globo.

Planisfero prodotto ad Amsterdam nel 1689secondo la proiezione di Nicolosi.

Esempio di carta geografica

Una carta geografica è una tavola in cui sono rappresentate determinate caratteristiche della superficie della Terra, o di parte di essa, per mezzo di linee, tratti, ombre, colori e altri segni convenzionali. Una carta geografica è una rappresentazione totalmente simbolica. La cartografia moderna è stata fondata nel XVI secolo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella maggior parte delle carte attuali il Nord è in alto, il Sud in basso, l’Est a destra e l’Ovest a sinistra di chi guarda la carta, anche se storicamente abbiamo avuto carte orientate a Est (tutte quelle che privilegiavano il sorgere del Sole, se cristiane il Paradiso Terrestre, Gerusalemme luogo della Passione, ecc), oppure verso Sud (specialmente arabe e cinesi), raramente orientate a Ovest (molte carte nautiche, specie portoghesi). Non mancano, soprattutto tra XV e XVI secolo, atlanti dove ogni singola pagina è orientata verso un punto cardinalediverso. La convenzione di standardizzare l’orientamento della cartografia occidentale verso Nord si consolida lentamente tra il Seicento ed il Settecento e viene consacrata nell’Ottocento.

La configurazione orizzontale di una regione viene riprodotta da linee che, con le loro sinuosità, indicano il contorno delle coste, il corso dei fiumi, le vie, le strade ferrate, i canali, ecc. La configurazione verticale, cioè le montagne, gli altopiani, le pianure, le depressioni, ecc, si riproduce approssimativamente per mezzo del tratteggio e delle ombre.

Speciali segni indicano i confini degli stati, le capitali, le città importanti, i valichi, ecc. Le carte geografiche hanno differenti nomi a seconda le forme, l’estensione della regione che rappresentano e lo studio speciale per cui servono.

Il planisfero rappresenta la superficie terrestre, divisa in due emisferi (solitamente si usa il meridiano di Ferro che permette di avere per intero le terre emerse in uno o nell’altro emisfero) o in forma di piano rettangolare come quella del Mercatore. Il termine “mappamondo” (ossia mappa del mondo, sinonimo di carta geografica) è spesso usato impropriamente per indicare il globo terrestre, che è la rappresentazione della superficie terrestre su di una sfera, che è un solido, mentre le carte geografiche rappresentano la Terra su di un piano.

Le carte generali rappresentano un continente o una delle parti del mondo.
Le carte corografiche rappresentano uno stato, o una singola regione.
Le carte topografiche rappresentano una città o un distretto con tutti i particolari.
Le carte tematiche mettono in risalto uno o più elementi di un territorio.
Le carte oro-idrografiche rappresentano l’orografia e l’idrografia dei paesi.
Le carte geologiche mostrano le rocce affioranti sulla superficie terrestre.
Le carte naturalistiche indicano la distribuzione della flora e della fauna.
Le carte etnografiche indicano la distribuzione delle popolazioni umane.
Le carte politiche rappresentano gli stati e le loro divisioni amministrative.
Le carte militari sono di solito molto dettagliate e rappresentano tutti i punti strategici.
Le carte delle comunicazioni indicano le linee ferroviarie, di navigazione, le strade postali, telegrafiche e telefoniche.
Le carte nautiche rappresentano i mari, l’esatto delineamento delle coste e delle isole e le indicazioni utili ai natanti.
Le carte turistiche contengono le indicazioni utili a chi viaggia ed in particolare i monumenti e le località turistiche.
Le carte da orientamento vengono utilizzate nello sport orientamento.
Le carte stradali evidenziano le strade. le distanze, i servizi lungo le strade.

La scala di riduzione è il rapporto costante fra le dimensioni lineari della carta, cioè le lunghezze grafiche, e le distanze rispettive sulla superficie terrestre o lunghezze reali. Il rapporto 1/X indica che un centimetro misurato sulla carta equivale a X centimetri sul terreno reale. La scala grafica si costruisce avuta la scala numerica. È una retta, divisa in modo che le parti rappresentino la nuova unità lineare della scala di riduzione numerica ed i suoi sottomultipli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...