Cesare Cremonini (cantante)

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Cesare Cremonini
Cesare Cremonini in concerto nel 2009
Cesare Cremonini in concerto nel 2009
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop[1][2][3]
Periodo di attività 1999 – in attività
Strumento voce, pianoforte,chitarra, tastiera,armonica
Gruppi Lùnapop
Album pubblicati 9
Studio 6 (1 con i Lùnapop)
Live 2
Raccolte 1
Sito web

Cesare Cremonini (Bologna, 27 marzo 1980) è un cantautore,musicista e attore italiano.

È stato il frontman del gruppo italiano Lùnapop, che ha riscosso notevole successo con l’album …Squérez? vendendo oltre un milione e mezzo di copie. Nel 2002 il cantante ha annunciato ufficialmente lo scioglimento del gruppo, proseguendo nella sua carriera solista e pubblicando, nel corso degli anni, cinque album in studio, due dal vivo e una raccolta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Cremonini nasce a Bologna il 27 marzo del 1980, figlio di Carla (professoressa di lettere) e Giovanni Cremonini (medico), più giovane di due anni del fratello Vittorio. Fin da piccolo inizia a studiare pianoforte (a 6 anni prende la sua prima lezione). A 11 anni riceve in regalo il primo disco dei Queen, gruppo del quale sarà un grande fan e che lo porta ad abbandonare lentamente la passione per la musica classica per abbracciare il mondo del pop/rock. La sua attitudine per la scrittura si manifesta invece verso i 14 anni, allorché annota brevi racconti, poesie e canzoni su un quaderno.

« Studiavo Chopin e Beethoven, poi per Natale mio padre mi regalò un disco dei Queen. Mi accorsi che c’erano riferimenti alla musica classica in così tante loro canzoni che chiesi alla mia professoressa di farmi studiare Bohemian Rhapsody. Ne fu contenta! Tre anni dopo, mentre ero in vacanza con i miei genitori, scrissiVorrei, la mia prima canzone. »

Nel 1996, assieme ad alcuni amici e compagni di classe, costituisce un gruppo chiamato “Senza filtro”, con i quali si esibisce in feste e locali del circuito bolognese, proponendo un repertorio originale, ad eccezione di alcune cover di Beatles, Oasis, Radiohead e dei suoi amatissimi Queen, come dimostra il suo vistoso tatuaggio sull’avambraccio sinistro. Alla fine del 1996 incontra casualmente Walter Mameli, che da allora diventa il suo produttore artistico e manager.

Il successo con i Lùnapop (1999-2001)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lùnapop.

Il 27 maggio del 1999 esce in radio il singolo di debutto 50 Special con il quale il gruppo raggiunge il successo:disco di platino e più di 100.000 copie vendute in soli tre mesi[4]. Cremonini dichiara di aver scritto quella canzone poco prima dell’esame di maturità, ispirato dal libro Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi. Il 27 novembre 1999, a tre giorni dall’uscita dell’album, fa il suo debutto in radio Un giorno migliore, il secondo singolo estratto dal disco, arrivando alla vetta dei brani più trasmessi il 22 dicembre 1999, rimanendoci fino a marzo 2000. Il singolo, uscito a gennaio, si aggiudica il disco d’oro per oltre 25.000 copie vendute[5].

Il 30 novembre 1999 esce nei negozi l’album …Squérez?, primo ed unico disco del gruppo, le cui registrazioni avvengono nel “Tam Tam Studio” di Cesena, tra l’agosto e il settembre del 1999. Si tratta di una raccolta delle canzoni scritte da Cremonini tra i suoi 15 e 18 anni, eccezione fatta per Se ci sarai, scritta da Alessandro De Simone, e Resta con me, composta da Cremonini e De Simone.

Nell’aprile del 2000 viene pubblicato il terzo singolo Qualcosa di grande con cui vincono il Festivalbar di quell’anno. I successivi singoli Se ci sarai e Resta con me, contribuiscono al successo del disco che vende in pochi anni oltre un milione e mezzo di copie in Italia[6]. Cavalcando il successo della band, durante l’estate Cremonini diventa, insieme a Vanessa Incontrada, testimonial degli spot televisivi della TIM, accompagnati dalle note di Vorrei, altro singolo contenuto nel fortunato album …Squèrez?.

Ma proprio al culmine del successo della band, che intanto trova affermazione anche in Spagna grazie a una nuova pubblicazione di …Squérez? cantato in parte in italiano e in parte in spagnolo, il progetto si arena davanti a pressioni e interessi esterni, di fronte ai quali non tutti reggono. All’interno del gruppo si crea una vera e propria spaccatura, che vede da una parte Cremonini e il bassista Nicola “Ballo” Balestri, contrapposti agli altri membri del gruppo[7]. L’ultima apparizione pubblica dei Lùnapop avviene all’Arena di Verona il 13 settembre 2001, durante la serata finale del Festivalbar 2001. La band si divide e i vari membri prendono strade diverse, tranne Ballo che dunque segue Cremonini nella sua avventura da solista.

Nel frattempo Cremonini si cimenta nel ruolo di attore (già sperimentato in due episodi della sitcom Via Zanardi, 33), recitando da protagonista nel film Un amore perfetto, al fianco di Martina Stella.

Bagus, l’inizio della carriera da solista (2002-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 novembre 2002 Cremonini pubblica il suo primo album da solista, Bagùs, che significa “tutto ciò che è positivo, gradevole, piacevole e bello” in indonesiano.

Dall’album vengono estratti i singoli Gli uomini e le donne sono uguali, Vieni a vedere perché, PadreMadre e Latin Lover.

Il disco, realizzato ancora presso i “Tam Tam Studio” di Cesena, segna un passo fondamentale per la crescita artistica di Cremonini, mettendo in evidenza la volontà dell’artista di non cavalcare i successi del passato, cercando immediatamente nuove strade.

Il pubblico ancora una volta lo premia: l’album rimane per 15 settimane nella Top 50 dei dischi più venduti in Italiavincendo 4 dischi d’oro e vendendo più di 250.000 copie. Nel 2003 viene pubblicata un’edizione speciale a tiratura limitata di Bagùs che contiene l’inedito Gongi-Boy, un DVD con alcuni video musicali e il “Bagus Tour Documentary”.

Maggese (2005-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Cremonini in concerto nel 2009

Il 10 giugno 2005 Cremonini pubblica il suo secondo album da solista,Maggese (il maggese è “un campo lasciato per qualche tempo in riposo, senza seminarlo, perché poi possa ridare frutto”). Le registrazioni del disco avvengono nei famosi studi Abbey Road di Londra. Dall’album vengono estratti i singoli Marmellata #25, Maggese, Le tue parole fanno male e Ancora un po’.

Nell’ottobre 2005, Cremonini intraprende il Maggese Theatre Tour, un tour teatrale di 9 date con la London Telefilmonic Orchestra composta da 30 elementi e da 9 musicisti (la stessa orchestra con cui è stato inciso l’album). Durante lo show Cremonini interpreta L’orgia, una canzone diGiorgio Gaber. Cremonini scrive gli arrangiamenti di tutte le canzoni con l’aiuto di Giovanni Guerretti e Alessandro Magnanini, piano e chitarra della sua band, e interpreta le sue canzoni con uno stile particolare, dedicando alcune parti dello spettacolo alla prosa. Utilizza anche strumenti particolari come il Santùr (di origine indiana) e suona il pianoforte e la chitarra acustica.

A fine tour dichiara:

« Gli applausi in un teatro hanno un suono particolare, ti piovono addosso come un temporale improvviso. Ma la cosa più emozionante è stata riuscire a far scoppiare a ridere il pubblico con una battuta. È un sogno che mi portavo dietro fin da bambino, quando all’asilo mettevo tutti i miei compagni di giochi sulle scale e cercavo di farli ridere rendendomi ridicolo »

Per tutta l’estate del 2006 va invece in scena il Maggese Summer Tour, 30 date in tutta la penisola, un tour decisamente più “elettrico” rispetto all’esperienza in teatro. Più di 100.000 persone assistono ai concerti.

Nel giugno 2006 Cremonini ri-arrangia e re-interpreta per il disco Innocenti evasioni 2006 il brano Innocenti evasioni. Il disco è un tributo a Lucio Battisti con canzoni interpretate da alcuni tra i maggiori cantanti italiani (Ligabue, Max Pezzali, Samuele Bersani, Nek, Raf, Giorgia).

1+8+24 (2006-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 novembre 2006, data fortemente voluta da Cremonini perché anniversario della morte di Freddie Mercury, viene pubblicato il primo album dal vivo del cantante, dal titolo 1+8+24 (l’1 è Cremonini, 8 i componenti della band e 24 quelli della London Telefilmonic Orchestra), contenente alcune canzoni tratte dal Maggese Theatre Tour. Il CD è accompagnato da un DVD che contiene il film-documentario 1+8+24, in cui parti del concerto sono corredate da riprese tratte dalla lavorazione dell’album Maggese negli studi di Abbey Road di Londra e dal dietro le quinte del tour. Il disco contiene l’inedito Dev’essere così, che entra nella top ten dei brani più trasmessi in radio.

Nel 2007 vengono pubblicati suoi articoli sui quotidiani Corriere della Sera, La Repubblica e Il Resto del Carlino. La Fazi Editore pubblica il libro I nostri ponti hanno un’anima, voi no – Lettere ai politici con interventi di vari intellettuali, concludendo con una pesante requisitoria di Cremonini sui politici dei giorni nostri.

Sempre in campo editoriale, viene pubblicato il libro Storytellers curato da Paola Maugeri e Luca De Gennaro, con l’intervista a Cremonini realizzata durante una serata musicale svoltasi l’8 novembre 2005 nell’Aula Magna Santa Lucia dell’Università di Bologna, e trasmessa su MTV. Durante il 2007 viene realizzato a Bologna il Mille Galassie Studio una vera e propria factory artistico-musicale con un attrezzatissimo studio di registrazione e una sala prove. Nello stesso anno Cremonini cura le musiche de I giorni dell’odio, docu/film di Canale 5, scritta e diretta da Giorgio John Squarcia con la collaborazione di Francesca Fogar[8].

Il primo bacio sulla Luna (2008-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio 2008 esce nelle radio Dicono di me, il singolo di Cesare Cremonini che anticipa l’uscita del quarto album, registrato a Bologna nei nuovi studi Mille Galassie, mixato a Londra da Steve Orchard presso gli Air Studios di George Martin dove è anche stato registrato il pianoforte. Il brano rimane nella top ten dei brani più trasmessi in radio durante tutta l’estate 2008.

Il 26 settembre 2008 viene pubblicato il quarto album di Cremonini, intitolato Il primo bacio sulla Luna, composto da 12 tracce scritte e arrangiate interamente da Cremonini con l’aiuto di Ballo, del produttore Walter Mameli e dell’ingegnere del suono Steve Orchard (che ha collaborato anche con U2, Travis, Oasis, Paul McCartney).

Cesare Cremonini in concerto

L’album entra nella top ten dei dischi più venduti direttamente al numero 6. Contemporaneamente esce Le sei e ventisei, il secondo singolo estratto dall’album. In autunno parte Il primo tour sulla Luna, che riporta Cremonini nei grandi club e nei palasport. Il 19 gennaio 2009 Cremonini presenta in anteprima Figlio di un re, il terzo singolo estratto dal nuovo album, che entrerà nella top 5 dei dischi più trasmessi dalle radio italiane.

A maggio 2009, alla scadenza dei dieci anni dall’uscita di 50 special, esce il primo libro di Cremonini (edito da Rizzoli) intitolato Le ali sotto ai piedi, autobiografico.

Il 21 aprile 2009, presso le Officine Meccaniche di Milano, partecipa alla registrazione del singolo Domani 21/04.2009, canzone scritta e prodotta da Mauro Pagani che vede protagonisti 56 tra i migliori artisti della musica italiana. L’intero ricavato dalla vendita e dai diritti editoriali del brano verrà utilizzo per la ricostruzione e restauro del Conservatorio “Alfredo Casella” e della sede del Teatro Stabile d’Abruzzo dell’Aquila in seguito al tragico terremoto che ha colpito la regione il 6 aprile 2009.

Per il 15 maggio 2009 fa il suo esordio in radio il quarto singolo estratto dall’album Il primo bacio sulla Luna, intitolato Il pagliaccio. Il cantante nel maggio 2009 entra a far parte degli artisti che si contenderanno la seconda edizione del Premio Mogol, premio per il miglior testo dell’anno, ottenendo ben due nomination per Figlio di un ree Le sei e ventisei.

Il 16 maggio 2009 Cremonini riceve il premio History alla carriera ai TRL Awards. Il 26 settembre 2009 il disco festeggia un anno di presenza nella classifica dei dischi più venduti in Italia. Dal 2 ottobre 2009 è in rotazione radiofonica L’altra metà, quinto singolo estratto dall’album Il primo bacio sulla Luna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...