Tutto su Soresina e l’ippodromo

Home Page

Vagabondare per le strade ti servirà a conoscere da vicino questa graziosa e ridente cittadina, pulsante di vita e protesa all’avvenire con l’ansia di migliorare sempre. La sua panoramica, l’edilizia, la conformazione delle sue principali strade spaziose ed eleganti, i suoi negozi scintillanti, i palazzi e le istituzioni benefiche, assistenziali, economiche e culturali, i suoi monumenti e il patrimonio artistico, le iniziative in tutti i campi, unite ad un complesso di servizi publici, la sua grande fede trasfusa nei pregevoli monumenti alla Religione e alla Patria, sono le prerogative valse a coronare il suo stemma del titolo di città.

Semplicemente passeggiando per le vie cittadine possiamo scovare ” tracce ” rimaste a testimoniare la storia di Soresina. Queste rivelano ancora una volta la ricchezza già a partire dal ‘600 di edifici sacri e la minore produzione di architettura civile di palazzi.

linea

Argomenti :  Sala mostre / Podestà                                      Museo Francesco Genala
                         Biblioteca di Soresina
Teatro Sociale
Angoli storici a soresina
L’osservatorio astronomico
Ippodromo Soresinese
Tele Sol Regina

Sala del Podestà

Il Salone del Podestà faceva parte dell’antico palazzo del Podestà ove aveva sede la Comunità soresinese.
E’ interamente affrescato con pannelli decorativi che ricordano la maniera
di Lattanzio Gambara e allievi ( 1530 – 1574 ).

Nella parte superiore sono rappresentate scene alquanto piacevoli per composizione e armonia di colori che rappresentano la storia di Roma. In quella inferiore spiccano personaggi mitologici di proporzioni molto più grandi del naturale. Vi si scorgono Marte, Mercurio, Venere, Giove, Apollo e Saturno.

Il soffitto é a travi, travicelli e tavolette ornate di cornici. Interessante é il camino settecentesco in terra cotta con decorazioni in rilievo a stucco. Nel mezzo, in rilievo, é lo stemma della famiglia Barbò feudataria del luogo e ai lati le figure di Plutone e Diana. Attualmente la Sala del Podestà viene usata per incontri e conferenze su vari argomenti.

MarteL'imponente camino, ai lati Plutone e DianaLa vittoria sugli antemnatiMercurio

Fotografie dell’interno della sala del Podestà

Sala Mostre Permanente

Nel 1996 attraverso un accurato lavoro di ristrutturazione eseguito dall’impresa CONCESA DI CIBOLDI una ditta soresinese è stata ricavata nello scantinato della Sala del Podestà la nuova Sala Mostre Permanente utilizzata per esposizione artistiche.

La sala con caratteristica struttura a volte tutta in pietra a vista è disponibile a chiunque ne faccia domanda previo richiesta e accordi con il cumune per fissare giorni e orari dietro pagamento del contributo fissato.

Sala Mostre ( 2002 )Sala nel 1996 prima della ristrutturazioneEntrata della Sala nel 1996 prima della ristrutturazione

Fotografie della Sala Mostre Permanente , prima e dopo la ristrutturazione

Museo Francesco Genala

Museo GenalaPresso la Biblioteca Comunale
Sono esposte fotografie documentarie dei terremoti, le onorificenze e i doni ricevuti, i mobili residui dell’arredo di lavoro, di Francesco Genala, uno dei protagonisti della storia politica amministrativa dell’Italia Risorgimentale e del Regno unitario.Francesco Genala

Collocato nello stabile che ospita la biblioteca comunale, contiene documenti, epistolario, oggetti, dello statista Francesco Genala (Soresina 1843 Roma 1893). Eletto deputato di Soresina nel 1874 fu confermato per sette legislature.

Dal 1883 al 1887 è Ministro dei lavori pubblici del governo Depretis con incarico di dare soluzione al problema ferroviario. Nei quattro anni del suo ministero si adopera alacremente per affrontare i disagi arrecati alla popolazione da due terremoti.

Nel 1883 quello che distrusse quasi per intero Casamicciola nell’isola d’Ischia, e nel 1887 quello che colpì la Liguria in particolare Diano Marina e Bussana, meritandosi la stima dei cittadini dei luoghi che per gratitudine gli dedicarono vie e Opere Pie.

 

 

Biblioteca di Soresina

La Biblioteca di Soresina è stata istituita sul finire del XIX° secolo grazie a lasciti di privati. In seguito ad alterne vicende passa da associazione benemerita e/o retta da volontari alla attuale forma istituzionale.

Nel 1968 è stata trasferita nella sede di Via Filodrammatici e dotata, in quell’occasione, di sufficienti attrezzature tecniche (scaffali, tavoli sedie, ect ). Dopo una prima rioganizzazione negli anni 80 che ha visto l’impostazione di un moderno catalogo cartaceo, dalla metà degli anni 90, è dotata di attrezzature informatiche. Si è organizzata prima in Sistema Bibliotecario Soresinese con funzioni di biblioteca centro-sistema, poi Area di Cooperazione Cremasco-Soresinese ed, infine in Sistema Bibliotecario Cremasco-Soresinese (in attesa di definitiva approvazione regionale ).

Può contare su una dotazione libraria di circa 27.000 unità di cui 2.500 fondo antico, 4.500 libri per ragazzi ed il rimanente diviso tra letteratura, romanzi e saggistica. Inoltre sono in essere abbonamenti a quotidiani locali e nazionali, settimanali e riviste di vario genere. La biblioteca dispone di un collegamento internet gratuito per gli utenti iscritti al prestito, limitato ad un’ora/giorno con servizio di prenotazione.

Attraverso il Servizio di prestito interbibliotecario è possibile ottenere libri da altre biblioteche nell’arco di pochi giorni (due/tre max): in questo modo il potenziale di libri e la banca dati informatica a disposizione degli utenti, sale a circa 70/80.000 volumi.

Zona letturaPostazione internetMuseo Francesco Genala

Fotografie delle sale della biblioteca comunale e della sala Francesco genala

 

 

Angoli storici a soresina

Arco del convento eremiti

 

Arco di via Don Bosco
eretto nel sec. XVI era l’entrata principale dell’antico convento degli Eremitani di Sant’Agostino, che occupava pressapoco tutta l’area compresa tra via Caldara, Don Bosco e Bertelli.

mulino

Il Mulino di via Guainoldo
un tipico mulino d’altri tempi con ruota funzionante a mezzo di un salto d’acqua della roggia Cavallina.

muraglia

Muraglia
dell’antico convento dei cappuccini nella campagna di Soresina

Palazzo BarbòIngresso di Palazzo Barbò in via Barbò. casa BarbòCasa Barbò di via Bertesi sec. XVI.

Vergini di Santa Chiara.

Edificio settencesco, già sede del Collegio delle Vergini di Santa Chiara.

L’affresco dei portici è un trittico di scuola cinquecentesca nella cui parte centrale é la Vergine col Bambino e ai lati i Santi Rocco e Antonio Abate.

Palazzo Pusterla presenta una facciata di gusto rococò avvicinabile ai cremonesi palazzo Tinti e palazzo della Questura. Le finestre sono ornate da raffinate cornici, é presente anche un balconcino con bella ringhiera in ferro battuto e un piccolo stemma sul portale.

Fotografie angoli di storia

Ippodromo Soresinese 

IppodromoInaugurato nel 1975, vanta un impianto considerato il migliore tra le strutture private in Italia, con una pista ben compatta, perfettamente piana e un tracciato rettilineo raccordato da curve leggermente sopraelevate e una lunghezza complessiva di 804 metri.

L’area che circonda l’ippodromo viene utilizzata per le feste popolari come la ” Tre giorni dell’ Avis, la festa dell’ Unità, la festa della birra ed altre iniziative promosse da varie organizzazioni.

Un luogo di ritrovo che offre ogni possibilità di svago a stretto contatto con la natura, la struttura meriterebbe certamente di essere rilanciata dal punto di vista sportivo.

Ferruccio (Antonio) Pedrazzani,
nato a Soresina il 2 aprile 1929, scomparso a Torino il 14 luglio 1981 ricordato a Stupinigi con una prova per i puledri il cui albo d’oro è decisamente ricco di nomi diventati poi “celebrità”. Il “Maresciallo Ferruccio” che non può non essere ricordato poi anche come il creatore e interprete dei vari Gasparese, Maltasar (il cavallo azzoppato da vile mano ignota), Consuelo, Tibidabo, Berlicche, Merimee, Liante, Miracle, Marvina (morta in corsa all’uscita dall’ultima curva per aneurisma), Metallo, Attila e tanti tanti altri sino ad Arhus con cui Pedro disputò l’ultima sua corsa sentendosi male entrando in retta ma continuando sino al palo con l’aiuto di Gino Gennero sul quale si appoggiò letteralmente per non cadere…

Fotografie dell’ippodromo di soresina

L’osservatorio astronomico

Continua la sua attività nel campo didattico ospitando numerose scolaresche. L’osservatorio astronomico di proprietà comunale è stato inaugurato nel 1974 ed è gestito dal Gruppo Astrofili. Dotato di un potente telescopio riflettore di 380 mm combinato con un telescopio rifrattore di 150 mm, la specola di circa 4 metri si trova alla sommità di una torre alta 22 metri.

Osservatorio ComunaleDa quest’anno è dotato anche di una particolare macchina fotografica digitale per fotografie astronomiche,
la Camera CCD “Starlight Xpress MX7-C“, ciò che di meglio il mercato può offrire per l’astronomia amatoriale, e un potente software per l’elaborazione delle immagini. Tutto ciò permette di effettuare con nitidezza riprese di particolari di oggetti celesti molto lontani come le nebulose.

specola Sala dell'osservatorio

Fotografie dell’osservatorio di soresina

Teatro Sociale

Facciata del teatro socialeIl teatro sociale fu fatto costruire su progetto dell’architetto Carlo Visioli, da un gruppo di possidenti cittadini appassionati di teatro che fondarono una “società” ( da qui prese il nome Teatro Sociale ) è stato inaugurato il 7 Ottobre del 1840 con la rappresentazione dell’opera lirica di Gaetano Doninzetti ” Lucia di Lammermoor “.

E’ un classico teatro dell’ottocento a ” ferro di cavallo ” con tre ordini di palchi e loggione che fanno da corona alla platea per un totale, attualmente di circa 400 posti. Dotato di sale d’attesa per gli spettatori e del ” ridotto ” utilizzato nel periodo degli spettacoli per mostre. Il teatro funzionò con alterne vicende, mantenendo la caratteristica di teatro a gestione condominiale fino agli anni 30.

In seguito, dato in affitto a diversi gestori, ha registrato una fase decadente, fino al completo abbandono. Acquisita l’ultima quota di proprietà di un condomino, l’amministrazione comunale ha dato inizio ai lavori di restauro che lo hanno riportato agli antichi splendori. Ogni anno da Novembre ad Aprile vi si svolge una ” stagione ” di spettacoli di vario genere : prosa, balletto, concerti.

Viene anche utilizzato per la rassegna di teatro amatoriale ” Romeo Sorini ” che vede avvicendarsi sull’ambito palcoscenico diverse compagnie di attori dilettanti, già dal 1988. Praticamente senza soluzione di continuità, la rassegna di teatro amatoriale dedicata a Romeo Sorini presenta le sue realizzazioni al pubblico degli appassionati. E’ una ricchezza per la nostra città la presenza di gruppi che, con determinazione e non pochi sacrifici, riescono ogni anno a comporre un cartellone ricco di numerose e di variegate proposte.

Fa parte del sistema teatrale cremonese fin dall’istituzione dell’ente e propone le rassegne ” Oltreibanchi dedicata al teatro per ragazzi e ” Progetto jazz “.

Negli ultimi anni la proposta di “Oltreibanchi ” si è notevolmente ampliata. Sono aumentati sia gli spettacoli che il numero delle repliche e ciò a conferma sia dell’interesse del mondo della scuola verso l’esperienza teatrale che della validità dei cartelloni proposti. Particolare interesse ha suscitato nelle scuole la visita guidata al teatro che fa scoprire ai più piccoli quello che succede dietro le quinte, attraverso un ” Viaggio ” pieno di sorprese e di scoperte.

La CupolaEntrata del teatroSala teatro ( abito di renata tebaldi )teatro soresina

Fotografie del teatro sociale di soresina

Tele Sol Regina , via IV Novembre 12 / b  tel. 0374 341820    fax   0374 341112

18 anni di attività

Logo Tele Sol ReginaTele Sol Regina è maggiorenne, sì signori, 18 anni di esistenza, di battaglie, ma soprattutto di programmi. Il 2001 sarà ricordato come l’anno di maggior movimento per l’emittente che, nel programma di pianificazione delle frequenze, é riuscita ad ottenere una copertura sulle province di Cremona, Bergamo, Brescia, Lodi, Lago di Garda e parte delle province di Mantova e Piacenza, tutte sul canale uhf 26.

Un progetto che é solo agli inizi perché già dal prossimo anno la copertura potrebbe essere ancora più ampia. Ne sono trascorsi di anni da quel lontano febbraio 1984 ed all’editore, Roberto Fontana, non sono neppure mancate critiche e battute ironiche sul futuro e sui palinsesti di questa emittente che nel corso degli anni non solo ha saputo andare avanti ma ha anche assorbito il canale TV di Crema nel 1990 e il canale TV di Lodi nel 1994.

Tele Sol Regina ha sempre risposto con i fatti, pardon, con i suoi programmi, rivolti a tutte le fascie d’età e che le hanno permesso di ricevere proprio quest’anno il premio Sport e Cultura. Cultura – sport – solidarietà, questo il mix proposto in questi anni con : convegni e mostre,incontri e trasmissioni sportive ( con Mauro Begnamini e Giancarlo Gandolfi ), serate in favore di chi é meno fortunato ( incontri organizzati da Fausta Moroni e Wilma Ceruti con la partecipazione di Antonio Auricchio e Fausto De Stefani ).Torre - Sede della televisione locale

Quotidianamente i suoi notiziari raggiungono numerose famiglie, anche per la programmazione in diverse fasce orarie, con l’alternarsi di Fausta Moroni, Roberta Tosetti, Wilma Ceruti, Simona Pantani, Giuliana Botti, Marianna Ghigna, Mauro Begnamini e Roberto Pagliari ( lodevole il suo impegno al servizio di chi cerca lavoro ).

Come dimenticare poi gli appuntamenti settimanali sul territorio che ci circonda, l’ormai famosa ” Betoniga de Sunsì ” ( interpretata da Franco Occhio ) ed i programmi concernenti la politica affrontata, sia a livello locale che nazionale, con neutralità ( unica emittente provinciale ad aver affrontato l’ultima tornata elettorale con una propria trasmissione ). In poche righe risulta difficile riassumere 18 anni di storia, di trasmissioni e di persone ( grande merito va soprattutto ad operatori e tecnici che lavorano dietro l’obiettivo ), per questo, ringraziando tutti i suoi telespettatori, Tele Sol Regina vi invita alla sua visione.

Fotografie di Tele Sol Regina

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...