Mese: febbraio 2015

Ottava apparizione di Loudes

"OGNI GIORNO UNA LODE A MARIA - A CURA DEI PAPABOYS - LUNEDI' 23 FEBBRAIO 2015,</p><br />
<p>-           OTTAVA APPARIZIONE DI LOURDES          -  </p><br />
<p>O Sovrana del mondo, che Ti offriro', miserabile qual sono, se non le lacrime?<br /><br />
Getta, o Vergine, uno sguardo di compassione sulla debolezza della povera anima mia, dissipa il tumulto delle mie passioni e allontana dal tuo servo le pene che l'affliggono.<br /><br />
Aspergi l'anima mia con l'issopo d'un vero pentimento e subito, o Immacolata, io saro' puro da ogni macchia e l'anima mia, sotto un torrente di lacrime, diventera' piu' candida della neve.<br /><br />
Amen. Ave Maria!"

OGNI GIORNO UNA LODE A MARIA – A CURA DEI PAPABOYS – LUNEDI’ 23 FEBBRAIO 2015,

– OTTAVA APPARIZIONE DI LOURDES –

O Sovrana del mondo, che Ti offriro’, miserabile qual sono, se non le lacrime?
Getta, o Vergine, uno sguardo di compassione sulla debolezza della povera anima mia, dissipa il tumulto delle mie passioni e allontana dal tuo servo le pene che l’affliggono.
Aspergi l’anima mia con l’issopo d’un vero pentimento e subito, o Immacolata, io saro’ puro da ogni macchia e l’anima mia, sotto un torrente di lacrime, diventera’ piu’ candida della neve.
Amen. Ave Maria!

Il Vangelo della quaresima

Il Vangelo della prima domenica di quaresima

Domenica di Quaresima 2015 Il Vangelo di questa I Domenica di Quaresima è molto breve e intenso. Gesù dopo il Suo Battesimo ricevuto da Giovanni, il suo maestro, nel fiume giordano, è spinto fuori nel deserto dallo Spirito Santo. Il deserto è luogo della libertà e della tentazione, della fedeltà di Dio e del dubbio nostro, del cammino e della caduta. Il deserto è il crogiuolo in cui Dio forma l’uomo. Nella solitudine assoluta, senza distrazioni, è costretto a scegliere tra la morte e la vita, tra la sfiducia e la fiducia. Lì infatti subisce le tentazioni di Satana. Il battesimo di Gesù ci presenta un Dio solidale con il nostro male e la  fatica di vivere in libertà. aposttentato di realizzare il Regno del Padre in modo più efficace e comodorestare fedele alla scelta compiuta nel battesimo. A differenza di Matteo e Luca, l’evangelista Marco non specifica le tentazioni, perchè a lui interessa soltanto il fatto: di essere tentato da Satana. E inoltre Matteo e Luca dicono espressamente che è tentato, in quanto Figlio di Dio.

Il peccato peggiore è non amare i poveri

Meditazione del giorno
San Gregorio Nazianzeno (330-390), vescovo, dottore della Chiesa
Discorso 14, sull’amore ai poveri, 27, 28, 39-40 ; PG 35, 891s

“L’avete fatto a me”

Immagini forse che la carità non sia obbligatoria, ma libera? Che non sia una legge, ma semplicemente un consiglio? Anche a me piacerebbe che fosse così e lo penserei volentieri. Ma mi intimorisce la mano sinistra di Dio, quando rimprovera i capri, non tanto perché hanno rubato, depredato, commesso adulterio o fatto altri delitti di questo tipo, ma perché non hanno onorato Cristo nella persona dei poveri.

Se volete credermi, voi servi di Cristo, suoi fratelli e coeredi, finché non è troppo tardi, visitiamo Cristo, serviamo Cristo, nutriamo Cristo, vestiamo Cristo, accogliamo Cristo, onoriamo Cristo, e non soltanto offrendogli un pasto come fa qualcuno, o del profumo come Maria Maddalena, o una sepoltura come Giuseppe d’Arimatea, o il dovere di sepoltura come Nicodemo, o l’oro, l’incenso e la mirra come i magi.

“Misericordia e non sacrificio » (Mt 9,13) vuole il Signore dell’universo, la compassione piuttosto che mille grassi agnelli. Presentiamogliela dunque per mezzo di coloro che sono oppressi dalla miseria, e il giorno in cui lasceremo questo mondo ci “accoglieranno nelle dimore eterne” (Lc 16,9), nel Cristo stesso, nostro Signore, a cui appartiene la gloria per l’eternità.

Non temere le tentazioni dopo il battesimo

Se dopo il battesimo sei tentato dal persecutore, il tentatore di luce, avrai materia per la vittoria. Ti tenterà certamente, poiché l’ha fatto anche col Verbo, mio Dio, ingannato dall’apparenza umana che nascondeva al Verbo la luce increata. Non temere, non rifiutare di combattere. Combattilo con l’acqua del battesimo e con lo Spirito Santo nel quale si spengono i dardi lanciati dal Maligno… Se ti parla di una necessità che senti – l’ha fatto pure con Gesù ­, se ti ricorda che hai fame, non ignorare le sue proposte. Insegnagli ciò che non sa; parlagli della Parola di Vita, il vero Pane mandato dal cielo, che dà la vita al mondo. Se ti tenta con la vanità – l’ha fatto con Cristo, quando lo fece salire sul pinnacolo del Tempio dicendogli: “Buttati” per fargli rivelare la divinità ­, sta attento a non cadere per aver voluto innalzarti… Se ti tenta con l’ambizione mostrandoti con un colpo d’occhio tutti i regni della terra come sottomessi al suo potere ed esige la tua adorazione, disprezzalo: è un poveretto. Digli, sicuro del sigillo divino: “Sono anch’io a immagine di Dio; non sono ancora stato precipitato, come te, dall’alto della mia gloria a causa dell’orgoglio! Non puoi sottomettermi a te perché sono rivestito di Cristo; sono diventato un altro Cristo per il battesimo, sei tu che devi adorarmi”. Se ne andrà, sono certo, vinto e mortificato da queste parole. Poiché chi le pronuncia è una persona illuminata da Cristo, le sentirà come provenienti da Cristo stesso, Luce suprema di cui ha una paura terribile. Per Grazia di Dio questi sono i benefici che porta l’acqua del battesimo e il fuoco dello Spirito Santo Paraclito a chi ne riconosce la Forza Onnipotente che SOLA CI SALVA. (San Gregorio Nazianzeno (330­390) Mi piace · Commenta · Condividi Piace a Mariangela Gazzoldi. Scrivi un commento… Corinna Verdelli ha condiviso il video di Ribat Fm. 1 h · che bella lezione ha dato a suo padre!!!!!! Italiano · Privacy · Condizioni · Cookie · Pubblicità · Altro Facebook © 2015 Radio touchsreen “Composition Media”, Cruise Control, Bluetooth, sensori di parcheggio. Sc… Prezzi dei Montascale? offertarapida.it Compila la richiesta ora e risparmia il 30% sull’acquisto del tuo montascale nuovo! Chat (14) Giulio Home 3 99+ Cerca persone, luoghi e oggetti Foto del diario Opzioni Condividi Invia Mi piace Commenti più in vista Gesù: la Via, la Verità e la Vita. 15 ore fa · NON TEMERE LA TENTAZIONE DOPO IL BATTESIMO Se dopo il battesimo sei tentato dal persecutore, il tentatore di luce, avrai materia per la vittoria. Ti tenterà certamente, poiché l’ha fatto anche col Verbo, mio Dio, ingannato dall’apparenza umana che nascondeva al Verbo la luce increata. Non temere, non rifiutare di combattere. Combattilo con l’acqua del battesimo e con lo Spirito Santo nel quale… Altro… — con Giampaolo Massaro e Nicola U Ziù Mi piace · Commenta · Condividi Piace a 880 persone. 377 condivisioni Gaetano Arcarese Rivestiamoci di Cristo sempre più con la preghiera, l’adorazione, con la sua parola e nutrendosi con l’eucarestia      Da Internet Giampaolo Massaro

Il Vangelo della prima domenica di quaresima

Domenica di Quaresima 2015 Il Vangelo di questa I Domenica di Quaresima è molto breve e intenso. Gesù dopo il Suo Battesimo ricevuto da Giovanni, il suo maestro, nel fiume giordano, è spinto fuori nel deserto dallo Spirito Santo. Il deserto è luogo della libertà e della tentazione, della fedeltà di Dio e del dubbio nostro, del cammino e della caduta. Il deserto è il crogiuolo in cui Dio forma l’uomo. Nella solitudine assoluta, senza distrazioni, è costretto a scegliere tra la morte e la vita, tra la sfiducia e la fiducia. Lì infatti subisce le tentazioni di Satana. Il battesimo di Gesù ci presenta un Dio solidale con il nostro male e la  fatica di vivere in libertà. Prima dell’attività apostolica, Gesù è tentato di realizzare il Regno del Padre in modo più efficace e comodo, senza restare fedele alla scelta compiuta nel battesimo. A differenza di Matteo e Luca, l’evangelista Marco non specifica le tentazioni, perchè a lui interessa soltanto il fatto: di essere tentato da Satana. E inoltre Matteo e Luca dicono espressamente che è tentato, in quanto Figlio di Dio.

C’è ora un modo più semplice per creare su WordPress.com! Passa a un’esperienza di pubblicazione migliorata.

Inserisci qui il titolo
Conteggio parole: 501 Bozza salvata alle 2:32:40. Ultima modifica di giuliozignani il febbraio 24, 2015 alle 02:30

Pubblica

Stato: Pubblicato ModificaModifica stato
Visibilità: Pubblico ModificaModifica visibiltà
Pubblicato il: 22 febbraio 2015 @ 01:31 ModificaModifica data e ora

Pubblicizza: Giulio Zignani, Giulio ZignaniModifica Impostazioni

 1
Inserisci qui il titolo
Permalink: https://laltrasoresina.wordpress.com/2015/02/22/il-vangelo-del…a-di-quaresima/ ‎Modifica Visualizza articolo Ottieni uno shortlink
Aggiungi media Aggiungi Sondaggio Aggiungi Sondaggio Aggiungi Modulo di Contatto Aggiungi posizione
VisualeTesto
Conteggio parole: 501 Bozza salvata alle 2:32:40. Ultima modifica di giuliozignani il febbraio 24, 2015 alle 02:30
Pubblica

Anteprima modifiche
Stato: Pubblicato ModificaModifica stato
Visibilità: Pubblico ModificaModifica visibiltà
Pubblicato il: 22 febbraio 2015 @ 01:31 ModificaModifica data e ora
Pubblicizza: Giulio Zignani, Giulio ZignaniModifica Impostazioni
Spostare nel cestino
Categor

Categorie

Formato

Immagine in evidenza

Tag

Tag

Separa i tag con delle virgole

Scegli un tag fra quelli più utilizzati

Commenti

Mi piace e Condivisioni

Mostra i Mi piace.

Mostra i pulsanti di condivisione.

Writing Helper

quegli strumenti che il nostro buon senso considera ovvi: l’avere, il potere, il prestigio religioso. Ma questo significherebbe rimangiarsi la solidarietà con i fratelli (come nel Battesimo invece avviene). Per noi: quanto è allettante essere figli di un Dio padrone e onnipotente, tanto è scomodo essere figli di un Dio “servo” (questa è la realtà!), che è amore, povertà, servizio, umiltà! Gesù, come ciascuno di noi da Adamo in poi, fu tentato “a fin di bene”. Ci sono opportunità, che in realtà sono false: ci sono scorciatoie che poi fanno perdere la strada!!! Non è forse a fin di bene che si fa tutto il male del mondo? Anche l’Isis segue questa logica…a fin di bene!!!!!!!! Anche il terrorismo e l’estremismo religioso o politico (nelle sue varie forme segue questa logica……..). Non bisogna agire “a fin di bene”, ma AGIRE BENE. Perchè il bene è tale solo se è bene insieme nel principio, nel mezzo e nel fine. Non è mai vero che il fine giustifica i mezzi!!! Questi sono sempre della natura di quello. Il breve brano evangelico si articola in due parti. La prima ci presenta Gesù che, vittorioso sulla tentazione, è il Cristo, l’uomo nuovo, riconciliato con la natura e in condizione paradisiaca: infatti era con le fiere e gli angeli lo servivano. E’ il nuovo Adamo che vive quell’armonia con il creato che era all’inizio, prima della disobbedienza. In Lui si realizza il desiderio di un’età dell’oro, in cui il “lupo dimorerà con l’agnello, la pantera si sdraierà accanto al capretto…ossia la profezia di aIsaia (Is 11, 6 e seg). La seconda ce lo presenta come Figlio di Dio, servito dagli angeli. La corte degli angeli, la presenza angelica rivela la sua identità: egli è il Figlio di Dio, proprio in quanto mntiene la sua scelta di servo. Lui stesso cong