Mese: settembre 2014

Tutti a scuola!

scuola_alunni_italiaR400

 

 

 

 

 

 

Come ogni anno le scuole iniziano tra polemiche e pretese d’ogni genere.
Notiamo il fatto che ci sarà chi è portato più all’italiano, chi più alla matematica ma saranno sempre le doti personali, unite alla buona volontà, a fare emergere le qualità di ogni studente.
Non sono del parere che siano i professori i veri responsabili dell’esito finale.
Ci sarà sempre chi emerge indipendentemente dall’insegnante, disapproviamo appieno quei genitori che colpevolizzano i docenti, se i risultati non sono consoni ai “geni” dei loro figli.
Per tanti genitori i loro figli sono tutti “nobel”.
La frase che dicono è: “mio figlio non è stupido, è l’ambiente che lo circonda a portarlo lontano…”
Speriamo che anche da parte loro i genitori “mettano giudizio” e non siano magari la causa prima dell’insuccesso dei loro figli.

Annunci

Ineluttabilità delle guerre

images

 

 

 

 

La biografia di personaggi del passato ha caratteristiche, episodi e valori prevalentemente esponenziale.
Per avere la storia occorrerebbe invece percepire il legame diretto che esiste fra passato, presente e futuro. Se nonché l’ineluttabilità delle guerre passate e future (purtroppo!) determinano l’arricchimento di pochi.
Di esempi ne abbiamo a iosa e l’anagrafe si assottiglia sempre più. La mentalità storica, i colpi di scena politici provocano nei popoli lotte a non finire. L’equilibrio tra America e Russia provocava  maggiori equilibri di pace in quanto gli armamenti atomici potevano integrarsi e quindi i punti di riferimento erano collettivi.

La storia individuale, i fatti, tendono ad essere sempre territoriali in quanto ogni nazione e ogni continente possono resistere, mentre anche sanno di essere espressione in un mondo caotico.

Come la storia così anche la politica soffre di una profonda mancanza di significatività al livello della coscienza dei giovani di oggi. I motivi sono sostanzialmente gli stessi. L’adolescente non trova nel mondo contemporaneo nè stimoli la riflessione storica, nè atteggiamenti che lo inducono a mettere il rapporto la propria vita, e quella delle persone a lui più vicine, con i grandi temi politici economici e culturali che compongono il contesto storico di ogni epoca.

Pater noster e il latinorum del Parroco

Nel suo commento domenicale, il Parroco ricorda che la chiesa riconosce al gregoriano il suo valore simbolico, pertanto l’attuale Messale in lingua italiana propone il “Pater Noster”. Controllare per credere. Il Papa Francesco, che non può essere accusato di indulgere a “manie tradizionaliste”, lo scorso novembre nella “Basilica Vaticana”, ha celebrato il vespero con studenti (sottolineo con i giovani pregare nelle università romane…pregando e facendo pregare proprio in latino e perchè non in inglese? O in un’altra lingua comprensibile alle generazioni web? E nel recente viaggio nella COREA DEL SUD ha scelto di celebrare l’Eucarestia…In Latino, beh, insomma..”Intelligenti pauca” direbbe Cicerone..

giulio Zignani

giuliozignani@alice.it

La guerra dei popoli

Sono in troppi a parlare delle guerre e la scusa è che si è troppo tante popolazioni, le popolazioni abbondano…Come si fa ad arricchirsi in pochi? La biografia di personaggi del passato ha carattere, episodi e valore prevalentemente esperenziale? I colpi di scena internazionali, le guerre di popoli molto lontani, le sempre più minacciose manifestazioni della violenza politica, si prestano meglio ad essere dei mezzi per essere divulgati e recepiti con quel carattere di sensazionalità privo di retroterra storico, che tanto, spesso è attributo allo stile dei mezzi di massa, ma che ha la sua radice profonda di una umanità mentale storica e nella impossibilità di poterla costruire. Già, ammazzare per sopravvivere meglio…

San Bassano con lo svuotasoffitte batte tutti

260px-Sanbassano

 

 

 

 

Ogni paese, piccolo o grande che sia, ha le sue tradizionali date per mettere in vista ogni ben di dio, insomma  il meglio  nelle cosiddette svuotasoffitte. Ma quando una borgata mette all’asta centinaia di oggetti anche di pregio hai voglia competere…Si tratta di 190 espositori con i propri stand, anche di pregio. Ed il proposito è di ampliare l’esposizione come la stessa “La Provincia”presagisce..San Bassano ha una storia  invidiabile:  pare voglia essere sempre tra le prime in fatto di iniziative. E ne ha ben donde, visto quanto constatiamo ogni anno…

Un Oratorio sempre più Oratorio Gran festa finale

10610853_949767625050779_3734826501898909908_nL’ investimento educativo della Comunità che crede ancora.nella capacità dell’0ratorio di

essere “la necessaria palestra di vita dove la preghiera ,l’istruzione,il gioco,l’amicizia ,il senso della disciplina e del bene comune,la letizia e il rigore morale si fondono insieme per fare dei ragazzi  e dei giovani cristiani  coscienti (Paolo vi .1977)..L’oratorio è inserito sempre più in questa lunga tradizione, riconoscente per la passione educativa dei suoi preti, uomini e donne,hanno reso le loro energie migliori di mente e di cuore; grato per la disponibiità di tanti laici, uomini e donne,che hanno servito, nei modi più diversi la causa della crescita umana di più generazioni, la festa finale ne è un esempio valido.