La vita di cascina di un tempo

Soresina-Cascina Mancina
Soresina – Il cascinaro era nato e vissuto in cascina. Era sotto padrone da sempre, come salariato fisso. La gerarchia di cascina poneva subito dopo il padrone, il fattore, che aveva le chiavi della cascina e dipendeva da lui concedere o meno l’uscita a una cert’ora. Succedeva di solito al bergamino, che faceva la notte ed era rimasto senza sigarette. “Va bene, vai per stavolta: Speriamo non ti veda il padrone, sennò il cicchetto me lo prendo io”. Il fattore era il ruffiano del padrone e faceva schifo ai salariati, che da lui ricevevano gli ordini di lavoro di presto mattino: “Tu vai alla “matonda” a tagliare l’erba, tu carica il fieno del “campaccio”. E loro partivano a passo cadenzato, come i buoi che mettevano al giogo e trainavano i carri agricoli là, verso i campi. Chi faceva il tagliatore d’erba, entrava in azione come un campione. Facevano la gara per arrivare primi alla fine del campo, dopo aver tagliato il tratto d’erba affidatogli con la falce e sostando solo un attimo per “dare il filo” alla lama con la “cùut”, infilata in un corno di bue legato alla cinghia dei pantaloni, perchè il taglio dell’erba doveva essera perfetto alla base, come una testa rapata. Se spuntava qualche filo d’erba, riceveva il rimprovero del fattore. Ora si è tentati di ridere di tutto ciò e la ragione c’é: ma per secoli i salariati vissero in compagnia di queste regole ed ora che sono arrivate le macchine agricole, i campi sono stati abbandonati. Vita di cascina, poesia del passato, mentre i ragazzini nelle sere invernali si davano convegno nelle stalle, al tepore delle mucche. Non c’erano ancora le nudità dello schermo televisivo, ma per loro riuscire a sentire qualche conversazione “proibita” degli adulti era una conquista, mentre le mamme rattoppavano i loro abitini strappati. C’era anche il reduce di guerra che raccontava per l’ennesima volta le sue gesta. Il cascinaro diventava un’altra persona di domenica: andava a messa con l’abito buono, dopo essersi pettinato con la brillantina e si notava sempre un pò di forfora sulle sue spalle. Ora tutto è finito e se c’è qualche salariato sopravvissuto, questi ce la mette tutta per avere una macchina più grossa dell’agricoltore.

Giulio Zignani
giuliozignani@alice.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...